ZOOM / ESPANSIONI TEATRALI
sole
ZOOM / ESPANSIONI TEATRALI
29/11/2002 - 29-11-2002 h 21.00
pianoterra
Macchine Teatrali - Roma
di e con Valntina Capone

Il pretesto, lo spunto da Le Troiane di Euripide, frammenti da Febbre di Sarah Kane e parole improvvisate che hanno trovato una loro forza sul palcoscenico. Tra queste, gli assurdi monologhi del personaggio inventato di “Etora”, con i suoi commenti all’azione ed alle apparizioni che via via si affollano sul palco. Proprio la piccola vicenda di Etora, impegnata nell’inseguimento del mitico eroe Ettore per riportagli il preziosissimo scudo da lui dimenticato è il filo conduttore di tutto lo spettacolo; Etora, inconsapevole creatura che viene via via assorbita dall’orrore della guerra e, soprattutto, dalla terribile immobilità dell’attesa, che tutto rende minaccioso, che tutto e tutti paralizza. Nell’aria i lamenti delle donne di Ilio, prigioniere dopo la distruzione della città, al termine della guerra devastante.
Il cavallo di Troia… hanno vinto i Greci, con l’inganno.
E Cassandra, e Andromaca col bimbo che le verrà strappato e che verrà gettato dalle torri più alte, ed Ecuba… Arrivano, poi vengono portate via,e lasciano una realtà condizionata da un potere a loro, a noi, esterno, che tuttavia si impone e che ci schiaccia, ferocemente, prepotentemente. O almeno tenta di schiacciarci..
Una realtà non definibile nella quale ciò che chiamiamo Destino, o Dio, o Legge di Natura può trasformare tutto nel suo opposto, e chi era libero e potente adesso è schiavo, e chi rideva piange, ma piangere non serve.
Nessuna distinzione netta tra Bene e Male.
Un forte desiderio di vento tra le vele, ma nessuna certezza.
E piccoli frammenti di parole e lacrime, che si aggregano, che allargano la dimensione della Storia, per giungere alla storia microscopica ed enorme, che faticosamente, sopportiamo dentro.

powered by Hi-Net